La struttura di gran parte dei terreni si adatta alla perfezione alla coltivazione di colture orticole industriali, come pisello, fagiolino e pomodoro. Le prime due, data la loro tipicità nel ciclo vegetativo, sono avvicendate in secondi raccolti.